In libreria

Che la “Commedia” nasconda una chiave occulta di lettura, Dante stesso lo afferma nel Convivio, dove parla dei quattro sensi della scrittura, il più alto e nascosto dei quali è il senso anagogico, o sovrasenso: cioè il significato spirituale della parola. Che è segreto nella misura in cui non è esplicito; ma cessa di esserlo allorquando il lettore riesce ad entrare in sintonia con quella dimensione. Nella sua Commedia, infatti, Dante adombra un’avvincente esperienza interiore: un viaggio iniziatico dalla tenebra alla luce, nell’uomo ed oltre l’uomo, fino alla folgorante visione di Dio ed alla rivelazione di un Suo inaspettato volto femminile. E apre interessanti prospettive sul significato della tradizione alchemica e delle antiche vie iniziatiche; come pure sull’esoterismo cristiano, lo gnosticismo e il mistero dell’ordine templare. Da qui il senso e la ragione di questa ricerca, che non risponde ad una curiosità letteraria, ma a un bisogno esistenziale: quel “segreto” ci avvicina al senso più profondo della vita, alla tensione dialettica tra bene e male, alla possibilità di riscatto fino allo sbocciare di una vita nuova. Per Dante, come per tutti noi.

ISBN 978-88-6867-423-6 pp. 160, prezzo di copertina € 12,00, Collana di saggistica ENKI

L’Autore

Cesare Pirozzi è nato nel 1949, è sposato dal 1977 e ha un figlio ormai adulto. Laureato in medicina, specialista in chirurgia generale e chirurgia pediatrica, per quarant’anni ha esercitato a tempo pieno la professione di chirurgo e, in minor misura, di docente. Per i pressanti impegni professionali ha relegato la sua passione per Dante al poco tempo libero disponibile: la sua attività di “scrittore” si è limitata ai soli argomenti tecnico-scientifici. Ritiratosi dal lavoro d’ospedale nel 2014, ha potuto approfondire e ampliare le riflessioni sulla Divina Commedia, che danno corpo al presente saggio..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: