Appello Ue alle banche per finanziare famiglie e imprese

“È fondamentale  che le banche continuino a finanziare  famiglie  e  imprese,  comprese  le PMI che incontrano  difficoltà  temporanee  a causa della pandemia di COVID-19.  A  tal fine, è essenziale sfruttare appieno la  flessibilità  prevista nel quadro prudenziale  e contabile, nel momento in cui un finanziamento  sufficiente a coprire le pressioni  finanziarie è  vitale  per l’economia”. È quanto affermato dai ministri delle Finanze dell’Unione europea, al termine della odierna riunione online, sottolineando la loro soddisfazione per le recenti dichiarazioni della Commissione europea, della BCE, del Consiglio unico di risoluzione,  dell’Autorità bancaria europea  e dell’Autorità  europea per i mercati dei valori mobiliari, sull’applicazione  dei  requisiti normativi  e contabili  per gli istituti finanziari  nelle  attuali  circostanze eccezionali.

I ministri hanno inoltre evidenziato “l’importanza  che  tutte  le autorità  continuino ad adottare un  approccio ambizioso  e  coordinato  quando  specificano  ulteriormente  come  sfruttare al meglio la flessibilità disponibile  per  garantire  che  le  varie  iniziative  annunciate dagli Stati membri  e  dalle  istituzioni  finanziarie siano prese in considerazione  e  che  vi  sia  parità di condizioni  tra gli Stati membri”. 

I membri dell’Ecofin, “alla luce delle raccomandazioni delle autorità di vigilanza, hanno inoltre esortato “tutte le banche  che  non  hanno  già  deciso di farlo ad astenersi dal fare  distribuzioni di dividendi  durante  questo  periodo e a utilizzare il capitale liberato  e i profitti disponibili  per  estendere il credito o  altre esigenze di finanziamento  urgenti  derivanti  dalla  crisi in corso  ai  loro clienti in modo  da preservare   l’attività economica.   Chiediamo al settore  bancario di sostenere  le famiglie  e le imprese  colpite dal focolaio COVID-19, con l’obiettivo  di  garantire la continuità aziendale”.

Un’esortazione a parte anche per le compagnie di assicurazione, dopo aver accolto con favore “le  recenti dichiarazioni e  raccomandazioni  dell’Autorità  europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (EIOPA) sull’identificazione di una  serie  di strumenti  che  consentano flessibilità  nell’ambito dell’attuale Quadro Solvency II per le   imprese di  assicurazione”. I ministri delle Finanze Ue invitano ”le compagnie di assicurazione a dare seguito alle  dichiarazioni dell’EIOPA  affinando  misure tempestive  e  complete  per  preservare la loro posizione patrimoniale,  compresa  la  sospensione temporanea  di tutte le distribuzioni discrezionali,  e a continuare ad agire nell’interesse dei consumatori”.

Infine i ministri Ecofin, dopo aver sottolineato di aver accolto con favore “la flessibilità  espressa  dalle  autorità europee di vigilanza  in merito ai  termini di segnalazione e  divulgazione al pubblico delle relazioni di vigilanza”, hanno affermato che continueranno “a seguire da vicino  l’evoluzione  della situazione per un miglior coordinamento  tra misure europee  e nazionali.   Ove  necessario – conclude il comunicato  diramato al termine della riunione –  siamo  pronti a intraprendere  ulteriori  azioni,  comprese,  se  del caso, misure legislative per mitigare l’impatto del COVID-19”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: